CHI RISPONDE PER I DANNI CAUSATI DAL MINORE IN MOTORINO?

La prova liberatoria richiesta ai genitori dall’art 2048 c.c. di non aver potuto impedire il fatto illecito commesso dal figlio minore capace di intendere e di volere si concreta, normalmente, nella dimostrazione, oltre che di aver impartito al minore un'educazione consona alle proprie condizioni sociali e familiari, anche di aver esercitato sullo stesso una vigilanza adeguata all’età e finalizzata a correggere comportamenti non corretti, e quindi meritevoli di un'ulteriore o diversa opera educativa. A tal fine non occorre che i genitori provino la propria costante ed ininterrotta presenza fisica accanto al figlio - ricadendosi, altrimenti, nell’obbligo di sorveglianza che l’art. 2047 c.c. impone ai genitori di minore incapace - quando per l’educazione impartita, per l’età del figlio e per l’ambiente in cui egli viene lasciato libero di muoversi, risultino correttamente impostati i rapporti del minore con l’ambiente extra familiare, facendo ragionevolmente presumere che tali rapporti non possano costituire fonti di pericolo per sé e per i terzi. (Nella specie, alla stregua dei principi di cui alla massima, la Suprema Corte ha escluso la responsabilità dei genitori di un minore che, alla guida di un motociclo, aveva investito un uomo provocandogli gravi danni alla persona, per avere essi fornito la prova di aver fatto tutto il possibile per educare adeguatamente il figlio e prepararlo alla necessaria autonomia, in particolare, per ciò che rilevava nella fattispecie, avviandolo al lavoro e facendogli conseguire la patente A).

 

 

CASSAZION E CIVILE, Sez. M, 28 marzo 2001, n. 4481

Pres. Longo - Rel. Segreto - P.M. Marinelli (conf.) - Dalla Riva c. Pastro ed altri

Motivi della decisione

1. Con l'unico motivo di ricorso il ricorrente lamenta la violazione dell'art. 2048 c.c. e comunque l'omessa, insufficiente e contraddittoria motivazione ai sensi degli art. 3 e 5 c.p.c.

Assume il ricorrente che la prova liberatoria di cui all'art. 2048 c.c. non si esaurisce nell'aver impartito da parte del genitore al figlio una sana educazione, ma che la stessa deve essere unita alla sorveglianza sul minore per verificarne il costante e corretto atteggiamento nelle formazioni sociali in cui si svolge la sua personalità; che, quindi, nella fattispecie non poteva dirsi esaurito il compito dei genitori nell'aver avviato il figlio al lavoro e nell'avergli fatto conseguire la patente di guida, e che le altre prove fornite non potevano ritenersi adeguate a fronte del comportamento serbato in occasione del sinistro. Secondo il ricorrente sono proprio le modalità del fatto illecito a rendere contezza dell'assoluta inadeguatezza dell'educazione impartita e della perdurante necessità di adeguata sorveglianza e vigilanza del minore.

2. L Ritiene questa Corte che il motivo sia infondato e che vada rigettato.

Va premesso che la norma di cui all'art. 2048 c.c. contempla un'ipotesi di responsabilità non indiretta, ma diretta dei genitori per fatto illecito dei figli minori imputabili, benché presunta, sia pure iuris tantum (in deroga alla generale previsione di cui all'art. 2043 c.c.) fino a quando non sia stata offerta la positiva dimostrazione, da parte dei medesimi, dei precetti posti dall'art. 147 c.c. In particolare tale prova si concreta per i genitori, nella dimostrazione di aver impartito al minore un'educazione conforme alle condizioni familiari e sociali, nonché di aver esercitato una vigilanza adeguata all'età, al carattere ed all'indole del medesimo (Cass. n. 5957/00; 9815/97, 8263/96).

Come è assolutamente pacifico in dottrina e nella giurisprudenza di questa Corte regolatrice, la responsabilità del genitore, per il danno cagionato dal fatto illecito del figlio minore, trova fondamento, a seconda che il minore stesso manchi o meno della capacità di intendere e di volere al momento del fatto, nel disposto dell'art. 2047 C.c., in relazione ad una presunzione iuris tantum di difetto di sorveglianza, ovvero nel disposto dell'art. 2048 c.c., in relazione ad una presunzione iuris tantum di difetto di educazione e di vigilanza, per cui le indicate ipotesi di responsabilità presunta, si pongono su un piano non concorrente, ma alternativo, alla stregua dell'accertamento, nel caso concreto, della sussistenza o meno di quella capacità (Cass, n. 2606/97; 5122/79).

2.2. Ne consegue che il dovere di sorveglianza dell'incapace ha un contenuto molto più ampio di quello di sola vigilanza del minore capace. Quest'ultima consiste infatti, nella verifica del corretto apprendimento dell'educazione impartita, poiché l'educazione deve ricevere i necessari adeguamenti ed aggiustamenti tenendo conto della personalità del minore e del suo grado di calare nella pratica quanto gli viene impartito.

Da ciò consegue che la prova liberatoria richiesta ai genitori dall'art. 2048 c.c. di non aver potuto impedire il fatto illecito commesso dal figlio minore, capace di intendere e volere, si concerta, normalmente, nella dimostrazione, oltre che di aver impartito al minore una educazione consona alle proprie condizioni sociali e familiari, anche di aver esercitato sul minore una vigilanza adeguata all'età e finalizzata a correggere comportamenti non corretti, e quindi meritevoli di un'ulteriore o diversa opera educativa. A tal fine non occorre che il genitore provi la sua costante ed ininterrotta presenza fisica accanto al figlio (altrimenti dall'obbligo della vigilanza si ricadrebbe in quello della sorveglianza di cui all'art. 2047 c.c.), quando per l'educazione impartita, per l'età del figlio e per l'ambiente in cui egli viene lasciato libero di muoversi, risultino correttamente impostati i rapporti del minore con l'ambiente extrafamiliare, facendo ragionevolmente presumere che tali rapporti non possano costituire fonte di pericoli di per sé e per i terzi (cfr. Cass. n. 3088/97).

In altri termini l'obbligo di vigilanza per i genitori del minore capace non si pone come autonomo rispetto all'obbligo di educazione, ma va correlato a quest'ultimo, nel senso che i genitori devono vigilare che l'educazione impartita sia consona ed idonea al carattere ed alle attitudini del minore e che quest'ultimo ne abbia "tratto profitto", ponendola in atto, in modo da avviarsi a vivere autonomamente, ma correttamente.

La sentenza impugnata ha fatto esatta applicazione di tali principi, ritenendo che la responsabilità ex art. 2048 c.c. dei genitori di Pastro Gottardo era da escludersi, avendo questi fornito la prova liberatoria di aver fatto tutto il possibile ed ipotizzabile per educare adeguatamente il minore e prepararlo alla necessaria autonomia. Conseguentemente il lamentato vizio di violazione di legge (art. 2048 c.c.) è infondato.

3. l. Egualmente infondata è la censura di vizio motivazionale dell'impugnata sentenza relativamente alla ritenuta sussistenza nel caso concreto di detta prova liberatoria.

Va preliminarmente osservato che la valutazione della raggiunta prova liberatoria di cui all'art. 2048, ult. comma, c.c. è rimessa al giudice di merito e, come tale, in, sindacabile in sede di legittimità, se sorretta da adeguata e corretta motivazione (Cass. n. 4945/97).

Al riguardo, infatti, non può che - ulteriormente - confermarsi l'assolutamente pacifico principio di diritto secondo cui il vizio di omessa o insufficiente motivazione, denunciabile in sede di legittimità ex art. 360 n. 5 c.p.c., sussiste solo quando, nel ragionamento del giudice del merito, quale risulta dalla sentenza, sia riscontrabile il mancato o deficiente esame di punti decisivi della controversia, prospettati dalle parti o rilevabili di ufficio, e non può - invece - essere fatto consistere nella mera difformità, tra il valore e il significato attribuito dal giudice ai fatti ed alle prove, ed il valore e il significato pre, tesi dalla parte, atteso che l'art. 360 n. 5 c.p.c. non conferisce alla Corte di cassazione il potere di riesaminare il merito della causa, ma solo quello di controllare, sotto il profilo logico-formale e della correttezza giuridica, l'esame e la valutazione compiuti dal giudice del merito, al quale soltanto spetta individuare le fonti del proprio convincimento e, all'uopo, valutare le prove, controllarne l'attendibilità e la concludenza, scegliere fra le risultanze quelle ritenute idonee a dimostrare i fatti in discussione, eccettuati, beninteso, i casi di cosiddetta prova legale, tassativamente previsti dalla legge (cosi, ad esempio, Cass. n. 7260/96, specie in motivazione, ex p1u7~mis).

3.2. Nella specie la sentenza impugnata con motivazione immune da vizi rilevabili in questa sede di sindacato di legittimità, ha ritenuto che ì genitori del minore avessero impartito allo stesso una buona e retta educazione, adeguata a prepararlo ad una necessaria autonomia (e quindi sotto questo profilo esaminata anche nei risultati che l'educazione aveva concretamente fornito), tenendo conto non solo del fatto che era stato avviato al lavoro ed aveva conseguito la patente A, ma anche da ciò che risultava dalle risultanze delle prove testimoniali.

Né il solo fatto dell'illecito può costituire di per sé motivo per escludere l'adeguatezza dell'educazione impartita dai genitori, in quanto in questo caso la prova liberatoria non opererebbe mai, poiché essa presuppone proprio che un illecito sia stato posto in essere dal figlio minore. La valutazione del giudice sull'adeguatezza della educazione impartita e sulla vigilanza esercitata, nei termini suddetti, va, quindi, effettuata ex ante e non ex post.

Le censure del ricorrente si risolvono, quindi, in una diversa lettura delle risultanze processuali rispetto a quella effettuata dal giudice di merito e, come tali, non possono trovare ingresso in questa sede.

… Omissis …